Archivio 2004

L'edizione 2004 di Organalia è costituita da 25 concerti, 4 in più dello scorso anno, di cui 24 si svolgeranno il sabato sera mentre uno soltanto la domenica sera, con inizio alle 21.

Il concerto inaugurale è previsto il 17 aprile a Pinerolo dove nello straordinario complesso costituito dal Santuario della Madonna delle Grazie e dalla Basilica di San Maurizio, si potrà ascoltare Giancarlo Parodi suonare prima su uno strumento e, successivamente, sull'altro. Quasi un doppio concerto con il pubblico itinerante.

La conclusione, invece, sarà a Torino, nel Santuario di Santa Maria degli Angeli, in via Carlo Alberto, a pochi passi a piedi da Palazzo Cisterna, sede di rappresentanza della Provincia di Torino.
Qui, il 30 ottobre, Roberto Cognazzo terrà un concerto con sinfonie tratte da opere liriche rappresentate, in prima nazionale o in prima assoluta, al Teatro Regio. Una vera chicca per legare Organalia alla cultura del capoluogo ed alle sue tradizioni musicali.
Il Santuario, poi, nel 2004 celebrerà più di un anniversario: il 350° della dedicazione (1654), il 170° dell'erezione in parrocchia (1834), il 100° della ristrutturazione (1904), il 90° della costruzione dell'organo (1914) ed il 70° dell'incoronazione del quadro della Vergine (1934).

Nel suo peregrinare, Organalia 2004 è stato pensato per favorire il pubblico: i concerti, infatti, sono stati organizzati in località l'una vicina all'altra.

Inutile sottolineare il livello degli interpreti che sono di fama nazionale ed internazionale. Accanto agli organisti torinesi e piemontesi che già conosciamo e stimiamo per la loro bravura, ritornano Salvadori e Macinanti, già presenti nelle passate edizioni, e le new entry: Gail Archer che salirà a Brosso in Val Chiusella, Jean Paul Imbert a Montanaro, Luca Scandali a Chieri, Alessandro Bianchi ad Almese, Roberto Bertero a Chivasso, Andrea Banaudi a Ceres e Nicola Spinelli ad Avigliana.

Tra le novità di questa nuova edizione figurano anche due concerti per tromba ed organo, con Donati e Negro a Giaglione e con Fornero e Ceretta a Villar Pellice ed un concerto per organo ed archi all'Abbazia benedettina di Novalesa, con Nosetti ed un Trio d'Archi.

Numerose le località in cui Organalia si affaccia per la prima volta: Villar Pellice, Almese, Avigliana, Giaveno, Rivoli, Giaglione, Novalesa, Lanzo Torinese, Ceres e Carema.

Insomma un programma che promette più che bene e che proietta sempre più in alto questa rassegna concertistica.

 

È un progetto della

Torino Metropoli

Con il sostegno della

fondazione_crt

Con il patrocinio di

Regione Piemonte

Consiglio Regionale del Piemonte

 

banner 2018 101x235-1
 logo_Organalia